Nella dichiarazione di inizio anno l’organizzazione pianifica di “espandere il teatro delle operazioni”

Real IRA | Óglaigh na hÉireannLa Real IRA ha minacciato di espandere la sua campagna nel 2011 e sta progettando attentati con armi da fuoco ed esplosivi su una vasta gamma di obiettivi militari britannici, commerciali, politici e giudiziari.

Nella dichiarazione per il nuovo anno rilasciata esclusivamente al Sunday Tribune, l’organizzazione paramilitare detto che le forze di sicurezza stanno completamente fallendo nel gestire la minaccia che essa pone.

Negli ultimi 12 mesi, la Real IRA ha eseguito diversi attentati, ma non ha causato alcun morto alle forze di sicurezza da quando ha colpito a morte i due soldati britannici a Massereene Barracks nel marzo 2009, né ha lanciato alcun attacco in Gran Bretagna.

Nella sua dichiarazione, l’Army Council della Real IRA afferma: “Durante l’anno a venire, la leadership di Oglaigh na hEireann cercherà di espandere il teatro delle sue operazioni, in linea con la nostra strategia. Continueremo a colpire le istituzioni ed il personale nei settori militari, politici, di polizia, giustizia ed in campi economico e commerciale”. La Real IRA ha detto di aver imparato dagli “errori del passato”, dei quali non ha parlato.

Ha già intrapreso un’azione spietata contro chi, sostiene Real IRA, “collabora con il dominio britannico in Irlanda”. Il commando autore dell’assalto a Massereene Barracks infatti aveva volutamente aperto il fuoco, con l’obiettivo di uccidere, contro i due fattorini che stavano consegnando le pizze ai soldati.

Il gruppo paramilitare ha ripetuto questa minaccia. “Coloro che attivamente impegnati nell’occupazione dell’Irlanda e coloro che assistono questa occupazione sono nemici del popolo irlandese”, ha detto. Negli ultimi mesi, la Real IRA ha fatto esplodere un’autobomba davanti al tribunale di Newry e contro la sede di Ulster Bank a Derry. L’agente di polizia cattolico Peadar Heffron ha perso una gamba, sfuggendo alla morte, quando una bomba piazzata da un altro gruppo repubblicano era esplosa sotto la sua auto.

La Real IRA ha sostenuto che i continui attacchi repubblicani hanno dimostrato che la politica di normalizzazione della vita nel Nord, portata avanti dai due governi, era fallita.

“Lo scorso anno, non ci sono errori sul fatto che esiste u conflitto nell’Irlanda occupata. I britannici, il Free State ed il parlamento coloniale nelle Sei Contee collettivamente non sono stati in grado di nascondere o far fronte a questo fatto”, affermano i repubblicani.

Il comunicato ha respinto le incursioni da parte delle forze di sicurezza e l’arresto e la condanna dei repubblicani. “Nessuna delle suddette misure hanno funzionato in passato, né funzionano ora”, ha detto. Riferendosi ai Provisional, che si oppongono fermamente ai repubblicani, ha affermato che il divario tra i due gruppi ormai è enorme.