Mentre i contestatori anti-G8 si radunavano alla Belfast City Hall per i discorsi, i lealisti hanno manifestato a poca distanza

Circa 100 lealisti si sono radunati vicino ai cancelli del municipio di Belfast, circondati da altrettanti agenti di polizia che hanno formato una barriera umana per tenerli separati dal raduno anti-G8.

I lealisti si sono detti non contenti perché la protesta contro il summit in Fermanagh è stata facilitata dalla polizia mentre la loro manifestazione riguardante la disputa sulle bandiere è stata gestita in maniera differente.

Secondo il leader del PUP, Billy Hutchinson, alcuni hanno visto la manifestazione anti-G8 come “anti-britannica”.

La disputa per le bandiere è iniziata lo scorso dicembre, quando il Belfast City Council ha deciso di limitare il numero di giorni in cui la bandiera dell’Unione sventola dai pennoni della City Hall.